•  a cura dello STAFF di Genesis
    "Demography is destiny", dicono gli anglo-sassoni. Può sembrare una frase esagerata, ma è indubbio che i cambiamenti nella popolazione influenzano indirettamente molti dei futuri futuri cambiamenti economici e sociali, e quindi la nostra prosperità futura. Nel tuo Comune le cose come stanno andando, e come cambieranno nei prossimi 10 anni? Le tendenze demografiche  incoraggiano o meno i tuoi progetti? Imprenditore. Se il tuo mercato è locale (commercio, artigianato, servizi), conoscere come sta cambiano la popolazione è fondamentale. Il Target a cui ti rivolgi sta ridimensionandosi oppure offre opportunità di crescita? Amministratore locale. Le decisioni e le proposte in materia di scuole, edilizia, urbanistica, servizi alle persone, ecc. sono giustificate dalle prospettive di evoluzione della popolazione (natalità, mortalità, flussi migratori, evoluzione del numero di componenti per famiglia)? Dall’analisi dei dati possono venire nuove idee di servizi per il cittadino o di riorganizzazione dell’ente.
  • di Massimo D'Angelillo
    La Pubblicazione è in formato e-book pdf. Dopo l’ordine sarà inviata per e-mail. Lo studio dimostra, attraverso l’esperienza tedesca, che una valida progettualità locale può trasformare l’emergenza profughi in una preziosa risorsa per il mercato del lavoro. La pubblicazione descrive 52 progetti in corso di realizzazione (2016) in Germania a livello locale per la integrazione, la formazione e l’inserimento lavorativo dei migranti. La pubblicazione evidenzia le metodologie applicate in Germania e può essere uno strumento utile per elaborare anche in Italia progetti analoghi, finalizzati alla integrazione, formazione e inserimento lavorativo dei migranti.
  • di Massimo D'Angelillo
    Creare un’associazione può essere la scelta migliore, per avviare servizi culturali, sportivi, ricreativi, sociali. Si pensi ad attività di formazione, a palestre, a piccoli impianti sportivi, al turismo esperienziale (gastronomico, artistico, ecc.), alla valorizzazione del territorio. E’ una forma molto snella e flessibile, con costi bassi e una tassazione molto bassa (che in alcuni casi può essere persino nulla). Proprio perché poco costosa, quella dell’associazione può essere anche una forma transitoria, con la quale preparare progetti imprenditoriali più strutturati.
  • di Massimo D'Angelillo
    Il Crowdfunding: una grande novità, un’alternativa ai tradizionali finanziamenti bancari, preziosa per sostenere progetti d’impresa ma anche progetti non profit e persino spese personali. La diffusione di Internet ha moltiplicato le possibilità di contatto e rende possibile oggi l’accesso ai piattaforme italiane e straniere.
  • di Massimo D'Angelillo
    Quantificare i costi, calcolare il punto di pareggio e fissare obiettivi realistici e raggiungibili: un problema di tutte le imprese, che spesso le nuove fanno fatica a gestire. E' questa la base per costruire il successivo sviluppo aziendale. Alla pubblicazione e allegato un software (applicativo Excel) di facile utilizzo.
  • 2016 Il VIDEOCORSO si articola in 3 lezioni, ognuna delle quali contiene spiegazioni del docente in video, tabelle ed esercizi per la verifica dell’apprendimento. I materiali delle lezioni sono facilmente utilizzabili scorrendo le slide di un file di Powerpoint, mentre il docente in video ne spiega i contenuti.
    • La spiegazione avviene sviluppando insieme al docente un esempio concreto di nuova impresa.
    • I video tematici contenuti nel VIDEOCORSO sono complessivamente 19, per una durata complessiva di 2h e 40 minuti.
    • Con un passo veloce, il VIDEOCORSO si può seguire in meno di tre ore.
    La durata della fruizione dipende, però, dal ritmo che si sceglie nello scorrimento delle slide, in quanto il corso è concepito per adattarsi al massimo alle esigenze dell'utente. Si può tornare indietro, rivedere uno dei video tematici, andare più veloci su argomenti già acquisiti.     LEZIONE 1. IMPOSTIAMO INSIEME IL BUSINESS PLAN_________________ Parte 1. Il Business Plan Parte 2. Scegliamo quale impresa creare Parte 3. Gli investimenti iniziali Parte 4. Quanto capitale servirà? Parte 5. L'IVA     LEZIONE 2. COSTRUIAMO INSIEME IL BUSINESS PLAN_________________ Parte 1. I costi di gestione fissi Parte 2. Un costo particolare: l’ammortamento Parte 3. I costi variabili Parte 4. Ricavi e costi variabili Parte 5. Ricavi e marketing Parte 6. Il punto di pareggio Parte 7. La rappresentazione grafica del Punto di Pareggio (Facoltativo)   LEZIONE 3. COMPLETIAMO INSIEME IL BUSINESS PLAN_________________ Parte 1. Il punto di convenienza (Facoltativo) Parte 2. Il risultato operativo Parte 3. Dal risultato operativo all’utile: banche e interessi passivi Parte 4. La tassazione e l'utile netto Parte 5. Sviluppiamo l’impresa – Metodo 1 Parte 6. Sviluppiamo l’impresa – Metodo 2 Parte 7. Riepiloghiamo e scriviamo il Business Plan  
Torna in cima